DALL-E 3, GPT-4, Brand Voices, carico dati e altro: integrati nella neuroflash AI Marketing Content Suite

giorni
ore
minuti
giorni
ore
minuti

Link building con ChatGPT: Le migliori opzioni da utilizzare

Indice dei contenuti

La creazione di link è impegnativa e tutto ciò che ha la capacità di rendere più facile questo compito sembra il miglior regalo di sempre, non è vero? Tuttavia, a seconda di chi lo chieda, gli strumenti di intelligenza artificiale sono la cosa migliore dall’invenzione del pane a fette o il peggior errore che porterà l’umanità in un mondo distopico e fantascientifico. Ma chi se ne frega se può aiutarvi con il link-building?

Scommettiamo che, visto che state leggendo questo articolo, probabilmente siete d’accordo sul fatto che i link sono ottimi per la visibilità. Almeno, vorreste provare a vedere come l’IA può fare la differenza. E questo indipendentemente dalla vostra posizione in questo dibattito. Vediamo quindi quali sono le possibilità, i rischi e i vantaggi dell’utilizzo di ChatGPT per la creazione di link.

I vantaggi dell’utilizzo di ChatGPT per la creazione di link

Forse non vi sorprenderà sapere che molte persone stanno esplorando diversi modi per utilizzare strumenti gratuiti come ChatGPT a fini di link-building (soprattutto se siete attivi su qualsiasi account di social media). Tuttavia, potrebbe non essere molto chiaro il motivo per cui alcune persone lo fanno. Ebbene, come si è visto, ChatGPT offre molti vantaggi:

  • È sicuramente più veloce, perché per mettere a punto tutto ci vogliono pochi minuti e forse un’ora o più, invece di giorni e settimane.
  • Costa molto meno dell’assunzione di un team interno o dell’esternalizzazione del link building.
  • È in grado di scrivere nuovi contenuti originali su qualsiasi argomento vi venga in mente in pochi minuti (beh, più o meno).
  • Può creare tonnellate di proposte e generare milioni di idee.
  • È un ottimo strumento per elaborare nuove strategie di link building e di SEO in generale. Dopo tutto, chi non vuole una spalla SEO?

La verità è che esistono casi d’uso di ChatGPT per tutti, sia che si faccia link building organicamente sia che si acquistino backlink. Può darvi una nuova prospettiva su come affrontare la SEO. Si può anche provare a discutere con l’IA e cercare di trarne ispirazione. Non importa quanto sembri assurdo, perché non provare? Chissà che non vi venga in mente qualcosa di nuovo chiacchierando con GPT.

Il problema dell’utilizzo di strumenti di intelligenza artificiale per automatizzare o costruire backlink

Ora, aspettate. Prima di licenziare il vostro specialista SEO o il vostro scrittore di contenuti, o addirittura di annullare il contratto con l’agenzia, dobbiamo essere chiari. Gli strumenti di intelligenza artificiale gratuiti sono ben lungi dall’essere perfetti e potrebbero addirittura comportare dei rischi per la vostra azienda. La verità è che utilizzare ChatGPT per la link building è un po’ complicato a causa di alcuni difetti:

  • Spesso fornisce contenuti stranamente imprecisi, che suonano anche fuori luogo per la maggior parte delle persone. Alcuni sono in grado di individuare i contenuti AI in pochi secondi.
  • Ricordate che se state usando una versione precedente a ChatGPT-4, il suo database è indietro nel tempo (l’ultima volta che l’ho controllato era ancora fermo al 2022). Pertanto, è improbabile che vi fornisca dati rilevanti in tempo reale, come la ricerca di parole chiave allineate alle tendenze attuali.
  • Ma anche la versione più recente contiene un avviso che invita a controllare le informazioni importanti perché può commettere errori. Anche gli esseri umani commettono errori. Senza dubbio. Ma l’IA non dovrebbe essere un superuomo?
  • Nel peggiore dei casi, è fondamentalmente un frullatore di parole, quindi è meglio non affidarsi al 100% ad esso per la propria strategia di link-building.
  • Anche integrando un paio di altri strumenti di automazione dei link, senza un umano che funga da guardiano, nella migliore delle ipotesi vi ritroverete con link discutibili.
  • Inoltre, l’uso di ChatGPT comporta seri rischi per la sicurezza dei dati. 1 dipendente su 3 potrebbe mettere la propria azienda a rischio di violazione dei dati senza nemmeno saperlo.

Quindi, dovreste fare clic su di esso ora e andare a seppellire il vostro piano di utilizzare ChatGPT per la costruzione di link? Non è questo l’argomento di questo sottotitolo o del post (anzi, è proprio il contrario). Vogliamo solo informarvi delle insidie o dei rischi, in modo che possiate essere armati delle idee migliori per evitare questi problemi e ottenere comunque ottimi risultati. Questo ci porta al prossimo argomento.

ChatGPT nella Link Building: Cosa funzionerà nel 2024?

Da quando il ChatGPT è diventato una realtà, le persone hanno esplorato il ruolo dell’IA nel marketing. AI nel business e nel marketingsperando di utilizzare questo strumento per ottimizzare tutto e niente. Ottenere dei link dolci è solo una delle tante idee creative che sono state proposte. Ecco come utilizzare ChatGPT per costruire backlink da soli senza dover spendere (quasi) nulla.

#1 Partnership con siti web e influencer

Questo è forse uno dei modi più comuni di utilizzare ChatGPT per i link. Quasi tutti i giovani che conoscete seguono almeno un influencer sui social media, quindi non è una sorpresa che il 92% dei marketer consideri l’influencer marketing una tattica efficace per aumentare la visibilità. E ancora? Il 28% degli specialisti di marketing lo considera un modo molto importante per ottenere backlink. Tutto questo sembra ottimo, tranne che per un piccolo dettaglio o intoppo.

Ci vuole molto tempo per trovare tutti i siti web, i marchi o gli influencer della vostra nicchia che potrebbero essere disponibili a una partnership di link-building. Tuttavia, probabilmente è possibile farlo in meno di un minuto utilizzando il prompt GPT corretto. Insomma, si può fare alla vecchia maniera, digitando “cibo biologico + scrivi per noi” in un qualsiasi motore di ricerca e trovando quello che ci serve (il che è comunque bello).

Fonte: Ricerca su Google

Se non volete usare Google (che vecchia scuola!), potete scegliere l’AI e ottenere un elenco di opzioni che vi aiuti a restringere la ricerca e poi partire da lì.

Ora che avete un elenco, potete facilmente copiare e incollare i nomi su Google e ottenere i dettagli di contatto (alias gli account SM), oltre a osservare il tipo di stile di contenuto che piace al loro pubblico. Questo è importante perché se volete attirare un pubblico simile, dovete ispirarvi a loro.

Fonte: Ricerca su Google

#2 Come si modificano le parole chiave?

Fonte: Conduttore

Le parole chiave sono la chiave del posizionamento dei contenuti e del sito in generale. In effetti, è considerata la metrica più utile per il monitoraggio delle prestazioni SEO, molto meglio dei backlink. Non c’è da stupirsi che la maggior parte dei marketer investa in buoni strumenti di ricerca di parole chiave SEO. Tuttavia, potete usare ChatGPT per trovare nuove idee di parole chiave o per trovarne di simili a quelle che avete già.

Più le richieste sono specifiche, più è facile trovare ciò che si sta cercando. Quindi, prendetevi del tempo per imparare a conoscere le Linee guida per i prompt di ChatGPT IL PRIMA POSSIBILE.

Naturalmente, è meglio non prendere queste risposte al valore nominale. Il passo successivo consiste nell’analizzarli attraverso il vostro strumento SEO preferito per ottenere un’analisi più approfondita dei dati relativi alle parole chiave. Ad esempio, utilizzando lo strumento Semrush Keyword Magic Tool, abbiamo trovato i seguenti dettagli sulla prima opzione offerta da ChatGPT.

Fonte: Semrush

E ancora, questo è un ottimo esempio di come ChatGPT possa essere un’ottima fonte di ispirazione, ma non bisogna mai fidarsi completamente. Abbiamo chiesto a GPT di trovare “parole chiave con alto volume di ricerca e bassa difficoltà”. Una delle opzioni offerte era “I vantaggi dell’agricoltura biologica”. Ma quando siamo andati su Semrush a controllare questa parola chiave, abbiamo potuto vedere un volume di 170 e un KD di 50. E non è affatto quello che avevamo richiesto.

#3 Generare contenuti istantaneamente usando ChatGPT per costruire backlink

“Nessun contenuto, nessun backlink” non è solo uno slogan. I backlink sono ancorati a qualcosa, di solito un pezzo solido di un post di un blog ospite o qualsiasi forma di contenuto adatto. Probabilmente avete provato almeno una volta a utilizzare ChatGPT o uno strumento simile per generare contenuti, quindi non siete estranei al concetto e ai suoi limiti.

E sappiamo tutti che chi cerca di costruire backlink di qualità è anche una persona alla ricerca di nuovi modi e approcci per migliorare le proprie strategie di guest blogging. Quindi, anche se non vi affidereste a questo strumento al 100% per il vostro guest post o post sul blog, potete usarlo per creare un potenziale contenuto favoloso che ha bisogno solo di un po’ di lavoro per brillare.

Anche se alcuni sostengono che lo scenario migliore sia quello di usare ChatGPT per creare paragrafi e modificare vecchi contenuti in modo che suonino freschi con uno stile diverso e questo genere di cose, è anche possibile allungare un po’ le cose con il prompt giusto.

Sebbene sia più breve della maggior parte dei post del blog, sembra buono, tranne per la parte in cui non siamo riusciti a trovare alcuna fonte per la statistica citata. Certo, c’erano altri numeri che giravano su Internet, ma non quella cifra specifica. Quindi, ancora una volta, è bene ricordare che non bisogna fidarsi di tutte le affermazioni che si vedono. Seguite due regole: fate il fact-checking e fate riscrivere il testo a un umano. Assicuratevi che ciò che volete dire sia ciò che il vostro pubblico ha bisogno di sentire.

E un’altra cosa: chiunque può generare qualcosa di troppo simile. Provate a ricreare la nostra query. Cosa si ottiene? Assomiglia terribilmente a qualcosa, non è vero? Non dobbiamo mai dimenticare che l’intelligenza artificiale è utile per alcuni compiti, ma non possiamo permetterle di rubare la nostra personalità. Le persone amano i marchi speciali, non quelli mediocri.

Inoltre, è possibile utilizzare ChatGPT per generare meta tag, descrizioni, titoli e così via. Non dimenticate di sottoporlo anche al vostro fidato plagiarism checker, soprattutto se pensate di utilizzare questo contenuto per lo più così com’è.

#4 Creare messaggi di posta elettronica quasi perfetti

Fonte: Reddit

L’elaborazione e l’invio delle proposte possono essere gli aspetti meno graditi del processo di link building. C’è la pressione di dire tanto e di dirlo perfettamente senza usare troppe parole. L’attesa ansiosa della risposta del webmaster e tutti gli altri piccoli fattori di stress non fanno altro che rodere la mente e alimentare l’ansia, soprattutto se si è ancora alle prime armi e si deve ancora sviluppare una pelle spessa.

Fortunatamente, è possibile utilizzare ChatGPT per generare uno o due pitch passabili e aggiungere il proprio tocco per personalizzarli. Ricordate che se non siete sicuri di come funziona, è meglio trovare un modello online, copiarlo e incollarlo in ChatGPT e poi chiedergli di scriverne uno per voi nello stesso stile.

Probabilmente, “stuzzicare le papille gustative e accendere i sensi” suona troppo come una pubblicità smielata. Ma nel complesso, non male, GPT!

#5 nuove idee: Brainstorming con l’intelligenza artificiale

L’aspetto positivo dell’utilizzo di ChatGPT per il vostro processo di link building è che può trasformarsi in un consulente virtuale affidabile per quasi tutti gli scenari che potete immaginare. Utilizzatela per elaborare nuove idee e strategie per ottenere più link. È probabile che venga fuori qualcosa a cui non avevate pensato.

È anche possibile restringere la ricerca per località, in modo da ottenere suggerimenti più pertinenti. Non limitatevi a chiedere idee per il link-building; potete chiedere una guida su come fare per ogni idea, un brainstorming di nuove idee di contenuto e altro ancora.

#6 Affinare la ricerca del pubblico target

Fonte: HubSpot

Vi sconvolgerebbe sapere che più della metà dei marketer non conosce nemmeno le informazioni di base sul proprio pubblico di riferimento? Secondo un’indagine di Hubspot, solo il 42% dei marketer conosce i nomi, l’età e l’ubicazione del pubblico, e un numero ancora minore è in grado di stabilire con precisione le preferenze e i luoghi di ritrovo online del proprio pubblico di riferimento. È evidente che c’è qualcosa che non va.

La prima regola da conoscere per creare una strategia di content marketing che non solo suoni bene, ma che funzioni, inizia con il sapere chi è il vostro pubblico (i suoi gusti, le sue difficoltà, o anche gli spazi online dove ama frequentarsi, e altri dettagli del genere). Per questo motivo è necessario porre l’accento sull’intento di ricerca. Maggiori informazioni sul gruppo di riferimento rendono più facile adattare i messaggi ai loro interessi e aumentare il coinvolgimento.

Sebbene ChatGPT non sia in grado di tracciare un quadro completo del vostro pubblico, può essere utile per esplorare le numerose personas del vostro pubblico target e per farsi un’idea dei loro interessi e punti dolenti. In questo modo, saprete come creare contenuti che piacciano a loro e che potrebbero essere disposti a linkare.

#7 Chi sono i vostri concorrenti?

L’analisi dei concorrenti è una tattica di link building comprovata e potete utilizzare ChatGPT per migliorare questo processo. Naturalmente, con questo strumento non è possibile effettuare una vera e propria analisi della concorrenza: non è esattamente un sostituto di un software SEO. Tuttavia, è possibile parlare con esso dei principali operatori del settore, identificare i loro migliori contenuti e imparare qualcosa sulle loro tecniche.

In questo modo, potrete identificare esattamente i punti in cui i vostri concorrenti non colmano il gap e come potete entrare in gioco voi. Dopodiché, potrete sentirvi sicuri nell’avvicinarvi alle risorse che vi collegano, perché ora vi rendete conto di come sono riuscite ad arrivare al punto in cui si trovano in termini di ranking, ecc. In questo modo, sarete in grado di ottenere più menzioni rilevanti utilizzando il maggior numero possibile di tecniche di link-building.

Conclusione

Esistono modi creativi per sfruttare ChatGPT per costruire backlink. Pensate a questo strumento come a una spalla perfetta per fare un brainstorming di idee per i podcast o per gli argomenti dei contenuti, per inviare un’email di influencer outreach e molto altro ancora. Utilizzatelo per risparmiare tempo, ma ricordate che ha ancora dei grossi difetti. È necessario considerarlo uno strumento e non una stampella, qualcosa che semplifichi il flusso di lavoro e renda la vita del link builder un po’ più facile. Con costanza e impegno, vedrete grandi risultati.

Accedi a neuroflash

Condividi questo post:

Ciao👋 è bello averti qui

Genera testi e immagini AI gratuitamente ogni mese! Inclusi chatbot, estensione del browser, analisi SEO e altro ancora.

Riproduci video

OGNI MESE 2000 PAROLE GRATIS.
BASTA REGISTRARSI E PROVARLO.

Create contenuti con l'intelligenza artificiale di neuroflash. 10 volte più veloce

Utilizzate la nostra AI per generare testi e immagini ogni mese, gratuitamente. Iscriviti senza carta di credito.

Ancora più contenuti dal blog di neuroflash

Scoprite neuroflash in azione con il nostro tour del prodotto

Erzeuge klickstarke Inhalte mit ContentFlash

Your style, your information, ChatFlash understands it

Tu estilo, tu información, ChatFlash lo entiende

Genera contenido atractivo con ContentFlash