ore
minuti
secondi

Ciao 👋 è un piacere averti qui.

Genera testi e immagini AI gratuitamente ogni mese! Include chatbot, estensione del browser, analisi SEO e molto altro.

Indice dei contenuti

Sostenibilità nell’intrattenimento grazie a Corona?

Ai tempi di Corona, il nostro mondo dell'intrattenimento è stato stravolto. Cosa significa questo per il futuro dell'industria dell'intrattenimento? Parliamo dell'importanza della sostenibilità nell'industria dell'intrattenimento e di come cambierà il panorama dopo la pandemia.

Cosa imparerai

Ti sveliamo come sarà il mondo dell’intrattenimento di domani, quale impatto avrà la pandemia di Corona sul settore e perché il crollo degli utenti di Netflix era già prevedibile.

Questo articolo riassume i risultati dell’ultimo studio sull’importanza della sostenibilità nell’industria dell’intrattenimento e fornisce approfondimenti sul mondo delle ricerche di mercato implicite con un focus sull’analisi delle reti neuro-semantiche basata sull’intelligenza artificiale.

Il mondo dell'intrattenimento è nuovo dopo Corona?

Da marzo 2020, le nostre vite sono state stravolte. Oggi molte cose sono diverse da quelle che conoscevamo fino al 2020. La pandemia di Corona ha costretto tutti noi a riorganizzare e ridefinire la nostra vita quotidiana. Che tu sia uno studente di scuola superiore, uno studente universitario o un dipendente, ti troverai sempre più spesso a partecipare a riunioni Zoom con amici, famiglia e lavoro. Molti di noi fanno sempre più attività fisica a casa, trovano le passeggiate meno noiose e condividono diligentemente le ricette di cucina in formato digitale con amici e familiari.

Tuttavia, la pandemia non ha lasciato il segno solo su noi individui. Interi settori e industrie sono significativamente colpiti dalle sfide poste dalla pandemia. Uno di questi settori che è stato e continua a essere colpito dalla pandemia come nessun altro è l’industria dell’intrattenimento.

Un nuovo studio condotto dal principale istituto svizzero di ricerca sul marketing LINK in collaborazione con la start-up neuroflash, con sede ad Amburgo, fornisce ora interessanti informazioni sul cambiamento del mondo dell’industria dell’intrattenimento a partire dal 2020 e risponde alla domanda su quale ruolo gioca il megatrend della sostenibilità per l’industria dell’intrattenimento. Quindi dobbiamo forse a Corona una spinta allo sviluppo dell’intrattenimento verde?

nel mondo dell’intrattenimento. È sempre stata una componente importante o dobbiamo il passaggio all’intrattenimento verde alla pandemia di Corona?

Aspetto fondamentale: Corona ha davvero sconvolto la nostra concezione dell'intrattenimento

I risultati dei metodi di indagine implicita mostrano che la comprensione degli svizzeri nei confronti dell’industria dell’intrattenimento e delle offerte di intrattenimento è cambiata in modo significativo negli ultimi 12 mesi.

Uno dei principali cambiamenti è che da Corona in poi l’intrattenimento è molto più legato al megatrend della digitalizzazione e ai prodotti di intrattenimento digitalizzati come gli e-sport, la musica (Spotify) o gli home trainer (Peloton).

Allo stesso tempo, il megatrend della sostenibilità è fortemente intrecciato con l’intrattenimento. I risultati dello studio indicano che oggi i consumatori svizzeri hanno una nuova concezione dell’intrattenimento e che il “divertimento verde” è sulla bocca di tutti.

Lo studio sotto la lente d'ingrandimento - attori e metodologia

I risultati dello studio qui presentati sono il risultato della fusione tra LINK, leader svizzero nel settore delle ricerche di mercato e sociali, e neuroflash, start-up di Amburgo specializzata in intelligenza artificiale.

Per questo studio sono state utilizzate le rispettive competenze chiave di LINK e neuroflash. Per poter presentare risultati il più possibile significativi e validi, l’intero studio si basa su dati impliciti. Il perché di questa scelta è reso evidente dal noto esempio dell’iceberg.

Il modello dell'iceberg ci fa capire come molte delle nostre decisioni quotidiane vengano prese in modo implicito, cioè inconsapevole.

Sebbene spesso pensiamo di prendere le decisioni di tutti i giorni in modo consapevole, nel 2008 i ricercatori del Max Planck Institute di Lipsia, in collaborazione con il Charité Hospital di Berlino e il Bernstein Center For Computational Neuroscience, anch’esso a Berlino, hanno scoperto che l’attività implicita e inconscia del nostro cervello può prevedere l’esito di una decisione consapevole fino a 10 secondi prima che questa venga presa. In un’intervista sullo studio pubblicato su Nature Journal, il responsabile della ricerca John-Dylan Haynes ha affermato, opportunamente, che le decisioni consapevoli sono logicamente solo la punta dell’iceberg.

Di conseguenza, la maggior parte delle nostre decisioni quotidiane sono già prese nel subconscio (implicitamente) senza che noi possiamo influenzarle attivamente. Questo modo di pensare e di prendere decisioni è oggi associato anche al termine “Sistema 1”. Il Sistema 1 (come controparte del Sistema 2) risale allo psicologo israelo-americano, premio Nobel e autore Daniel Kahneman, che nel suo bestseller mondiale “Pensiero veloce, pensiero lento” dimostra attraverso una moltitudine di esperimenti le caratteristiche del Sistema 1, veloce, intuitivo e implicito, che ha il sopravvento nella maggior parte delle nostre decisioni quotidiane.

Queste decisioni implicite e inconsce si basano su ricordi, sentimenti e attribuzioni e sono meno a rischio di essere influenzate da fattori esterni confondenti come lo sono le decisioni coscienti, motivo per cui può essere più eccitante e, soprattutto, più accurato suscitare le risposte implicite dei consumatori.

Per lo studio sull’importanza della sostenibilità nell’industria dell’intrattenimento, LINK e neuroflash hanno fatto un ulteriore passo avanti e hanno raccolto dati impliciti su due livelli: Collettivo e individuale.

neuroflash si è occupata di raccogliere i dati impliciti collettivi, lavorando con le cosiddette analisi neuro-semantiche. Grazie all’intelligenza artificiale utilizzata da neuroflash, la start-up con sede ad Amburgo è stata in grado di raccogliere oltre 30 miliardi di menzioni di parole dall’internet svizzero-tedesco negli ultimi 12 mesi, analizzarle e inserirle in relazioni semantiche o associazioni. Il risultato di questa analisi è niente di più e niente di meno che un’opinione collettiva dei consumatori svizzeri su argomenti selezionati.

Ma cosa significa esattamente, sulla base di esempi specifici?

Vediamo le associazioni specifiche per paese. Cosa associ alla Svizzera in termini culinari e cosa alla Germania? Neuroflash può aiutare in questo senso costruendo una rete di associazioni collettive analizzando grandi quantità di testo e parole da Internet. Vediamo il risultato qui sotto. Rappresentati dalla distanza e dallo spessore dei fili tra due termini, è chiaro che la Svizzera è più fortemente associata alla fonduta di formaggio rispetto alla Germania, mentre le menzioni delle parole analizzate suggeriscono una forte associazione tra Germania e birra. Hai mai pensato alla stessa cosa?

Questa rete di associazioni molto semplificata illustra associazioni esemplari specifiche per paese con la Svizzera e la Germania.

Per contrastare le associazioni collettive con quelle individuali, un sondaggio rappresentativo online condotto da LINK ha analizzato le associazioni individuali implicite di 902 cittadini svizzeri utilizzando la misurazione dei tempi di reazione.

Lo studio dell’importanza della sostenibilità nell’industria dell’intrattenimento dopo Corona ha seguito lo stesso schema – contrapponendo le raccolte di dati collettive e individuali.

I risultati dello studio in dettaglio

Nella prima fase dello studio, neuroflash ha affrontato la questione di ciò che gli svizzeri di lingua tedesca associano oggi al termine “intrattenimento” rispetto al periodo precedente alla pandemia di Corona. Il risultato dell’analisi basata sull’intelligenza artificiale è la rete associativa elencata nella Figura 4, che mostra le parole più importanti associate a “intrattenimento” ed evidenzia anche i termini che hanno aumentato significativamente la loro importanza rispetto al periodo pre-pandemia.

La rete di associazione del termine "intrattenimento" basata su un'analisi neuroflash fornisce una panoramica di tutti i termini associati all'"intrattenimento" e mette in evidenza quelli che sono stati citati con maggiore frequenza dall'inizio della pandemia di Corona.

I dati rivelano che alcune parole sono ora più diffuse nei discorsi sociali relativi all'”intrattenimento” fino al 60% in più rispetto a prima della pandemia. Questi termini, ora fortemente associati all'”intrattenimento”, includono attività all’aria aperta, passeggiate, fitness, salute, ma anche musica, Spotify, cyclette (Peloton) ed e-sport, e sono evidenziati in arancione nella Figura 5. Oltre a un legame più forte con il tema della “digitalizzazione”, è chiaro che vengono rappresentati termini vicini al megatrend della sostenibilità.

Questa sezione allargata della rete di associazioni evidenzia i termini che sono stati associati al "divertimento" con una frequenza fino al 60% superiore nel discorso sociale dall'inizio della pandemia di Corona.

In una seconda analisi della rete semantica, neuroflash ha analizzato la questione se l’industria dell’intrattenimento sia stata effettivamente associata in modo più forte al tema della sostenibilità dopo Corona.

Questa rete di associazioni preparata da neuroflash offre una panoramica completa di tutte le parole associate alla "sostenibilità".

E in effetti, come mostra la Figura 7, l’Analisi della Rete Neuro-Semantica rivela un gran numero di termini del dominio “intrattenimento” che sono più fortemente associati alla sostenibilità oggi o negli ultimi 12 mesi (tutti i termini in carattere nero) di quanto non lo fossero prima della pandemia.

Questa sezione ingrandita della rete di associazioni "sostenibilità" mostra in carattere nero tutti i termini vicini al settore dell'intrattenimento che sono diventati più fortemente associati alla sostenibilità dall'inizio della pandemia Corona.

Questi termini di intrattenimento, ora più fortemente associati alla sostenibilità, includono parole dell’area degli sport (all’aperto) come fitness, salute, corsa, ciclismo, bicicletta, mountain bike, ecc. ma anche moda e shopping, viaggi e l’area degli eventi dal vivo con parole come musical, teatro, Hollywood e circo.

Questi risultati rappresentano quindi importanti scoperte per l’industria dell’intrattenimento, perché chiariscono che la sostenibilità non è solo associata in modo più marcato all’intrattenimento in casi isolati, ma che ora la sostenibilità ha un significato completamente nuovo per intere sottocategorie dell’industria dell’intrattenimento, come lo sport e gli eventi dal vivo.

I risultati sono confermati dal sondaggio online di LINK?

Alla domanda sull’uso futuro delle offerte di intrattenimento, i dati impliciti basati sui tempi di reazione del sondaggio condotto su 902 consumatori svizzeri forniscono un quadro che coincide quasi con i dati collettivi delle analisi neuroflash.

Un’occhiata all’attuale reportistica fornisce un’altra indicazione del fatto che i fornitori di servizi di streaming potrebbero avere in futuro un periodo più difficile di quanto si pensasse. Proprio di recente, Netflix ha registrato un calo di 200.000 utenti durante i risultati trimestrali (riferimento) del primo trimestre del 2022, il primo calo di Netflix dal 2011.

Il perdente e il vincitore dell'industria dell'intrattenimento del futuro. Mentre i consumatori svizzeri si allontaneranno dallo streaming in futuro, l'industria dell'intrattenimento dal vivo crescerà, secondo Corona.

Cosa significa questo per i fornitori e i marchi dell'industria dell'intrattenimento?

I risultati delle analisi della rete neuro-semantica di neuroflash indicano chiaramente che l’importanza della sostenibilità per l’industria dell’intrattenimento è aumentata fortemente e in tutte le categorie dall’inizio della pandemia di Corona. Poiché i risultati riflettono l’attuale opinione collettiva degli svizzeri di lingua tedesca, i risultati sono accompagnati da un cambiamento dell’atteggiamento di aspettativa nei confronti dei fornitori e dei marchi dell’industria dell’intrattenimento e da un cambiamento atteso nel comportamento degli utenti nei confronti dell’intrattenimento. I risultati del LINK Online Panel mostrano anche che le offerte di intrattenimento più associate alla sostenibilità godono di una crescita prevista.

I risultati suggeriscono che il tema della sostenibilità potrebbe influenzare il futuro dell’industria dell’intrattenimento. I fornitori e i marchi dell’industria dell’intrattenimento dovrebbero quindi rivedere rapidamente le loro offerte per quanto riguarda i processi, le offerte e le soluzioni sostenibili. Potrebbe essere opportuno ampliare o modificare il portafoglio prodotti per continuare a offrire prodotti di intrattenimento richiesti dai consumatori per i quali sostenibilità e intrattenimento si stanno avvicinando sempre di più.

Intrattenimento verde: La Berlin Show Orchestra ti mostra la strada!

L’Orchestra dello Spettacolo di Berlino, ad esempio, dimostra che l’intrattenimento sostenibile, noto anche come “intrattenimento verde”, può funzionare. Sin dalla sua fondazione nel 2015, l’orchestra, che può essere prenotata dagli artisti come fornitore di servizi, si è impegnata per la sostenibilità dell’intrattenimento dal vivo. Secondo Stefan Lohmann, uno dei fondatori della Berlin Show Orchestra, la sostenibilità è alla base di qualsiasi decisione aziendale. Ad esempio, tutti i prodotti o i servizi acquistati vengono controllati per trovare l’opzione più sostenibile disponibile e, anche per quanto riguarda i viaggi, l’orchestra si preoccupa di prendere sempre la decisione migliore in termini di sostenibilità. L’importanza della sostenibilità per i fondatori è stata chiarita anche dal Sustainability Rider, una guida progettata per aiutare gli altri attori dell’industria dell’intrattenimento a rivedere i propri processi aziendali e le proprie soluzioni per la sostenibilità.

Quali sono i prossimi sviluppi dell'industria dell'intrattenimento?

I metodi impliciti utilizzati nello studio di LINK e neuroflash chiariscono che ci sono stati forti cambiamenti sia nell’opinione collettiva che negli individui riguardo ai temi e ai termini a cui l’industria dell’intrattenimento è associata prima e dopo la pandemia di Corona. Come uno di questi cambiamenti, lo studio ha fornito indicatori del fatto che il tema della sostenibilità in generale ha acquisito un’importanza massiccia nel discorso pubblico dall’inizio della pandemia di Corona, ma anche che viene sempre più ascoltato nell’industria dell’intrattenimento in particolare.

Allo stesso tempo, lo studio fornisce anche uno sguardo al tempo “dopo” Corona. Sia i sentimenti collettivi che le risposte individuali implicite degli intervistati indicano che la sostenibilità e l’intrattenimento saranno sempre più interconnessi. Le risposte degli intervistati sottolineano questi risultati, rivelando che le aree di crescita future per l’industria dell’intrattenimento sono proprio quelle più fortemente associate alla sostenibilità. Esempi di queste aree di crescita sono soprattutto le offerte di intrattenimento dal vivo nei settori del teatro dal vivo, della musica dal vivo, delle fiere dal vivo e dello sport dal vivo. Secondo gli intervistati, il grande sconfitto dell’intrattenimento “dopo” Corona è lo streaming, che perderà utenti rispetto all’intrattenimento dal vivo.

Teaser: Ne arriveranno altri!

Oltre a concentrarsi sul megatrend della sostenibilità, lo studio si è concentrato anche su un altro importante settore contemporaneo e futuro, ovvero quello della digitalizzazione. Perché così come la sostenibilità ha acquisito importanza per l’industria dell’intrattenimento, la digitalizzazione gioca un ruolo importante per l’industria dell’intrattenimento del futuro. Per scoprire esattamente quali cambiamenti sta provocando e quali aree potrebbero rappresentare una potenziale concorrenza agli eventi live, consulta il prossimo articolo sullo studio LINK e neuroflash.

Condividi questo post

Ricevi 2000 parole gratis ogni mese. Basta iscriversi e provare.

Crea contenuti con l'intelligenza artificiale di neuroflash. 10 volte più veloce.

Utilizza la nostra intelligenza artificiale per generare testi e immagini gratuitamente ogni mese. Registrazione senza carta di credito.

Altri contenuti su AI e marketing

Scoprite neuroflash in azione con il nostro tour del prodotto​

Niente più blocco dello scrittore

neurolfash-aiwriter

Usa la nostra AI per generare nuovi contenuti in pochi secondi e gratuitamente.